SIMONETTA GUARINO

Simonetta nasce come attrice di prosa e nel 1987 si diploma alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova. Il grande pubblico la conosce soprattutto nei panni di Gaia, la stravagante casalinga di Zelig.
Ma il cabaret non è che una delle passioni di Simona Guarino, il cui curriculum vitae sorprende per la ricchezza e la varietà delle esperienze nell’ambito dello spettacolo. Ha saputo affiancare sin dall’inizio ad un continuo impegno nel teatro impegnato, cinema, televisione, radio e cabaret, tutti settori, in verità, coltivati con ottimi risultati.
Gaia, personaggio di sua creazione che più di tutti l’ha fatta conoscere al grande pubblico ed apprezzare dalla critica con “matrioska” che piange e ride, ma per motivi assolutamente imprevedibili! Emozionata allo stesso modo davanti ad uno spogliarello dei Californian Dream Men e alle televendite di batterie di pentole, prende botte dal marito per far ridere i figli e salvaguardare la serenità familiare, vive il matrimonio con il suo fantomatico Gino come un male inevitabile, ma alla fine anche irrinunciabile, sognando leggendarie fughe che non vanno mai oltre il reparto surgelati del supermercato, all’interno di quella mitica “terra promessa” che è il “suo” centro commerciale.
Per la televisione partecipa a “Facciamo Cabaret” e a “Zelig”. Numerosi sono invece i suoi lavori in teatro tra cui “Excelsior variete”, “Donne santi, puttane e Coribant”, “Cuori pazzi” di F. Altan, “La leggenda aurea”, “L’omosessuale e la difficoltà di esprimersi”, “Le beccanti”, “Fotofinish” e “La festa delle donne 2001”.