SERENA DANDINI

Serena Dandini, nome completo Serena Dandini de Sylva nasce a Roma il 22 aprile del 1954, è una conduttrice televisiva e autrice televisiva italiana.
Nata a Roma, figlia del conte Ferdinando Dandini De Sylva, avvocato, discendente da un’antica famiglia della nobiltà romana, e di Luigia Pacifici, dopo gli studi al liceo classico Giulio Cesare e alla Sapienza di Roma (dove non si laurea a tre esami dalla fine, inizia la sua carriera alla fine degli anni settanta in radio. Da ragazza, amica di Renato Zero, frequenta l’ambiente del Piper Club a Roma. È stata sposata due volte e dal 1993 è legata al musicista Lele Marchitelli. Ha una figlia, Adele Tulli, nata nel 1982 (regista del documentario 365 without 377 sulle battaglie del movimento LGBT in India per l’abolizione della sezione 377 del codice penale indiano).
La sorella Saveria Dandini de Sylva è Presidente dell’Istituto Leonarda Vaccari che si occupa di riabilitazione di persone disabili. Il fratello Ferdinando è ingegnere aeronautico e attualmente docente presso la LUISS Guido Carli e l’Università Tor Vergata di Roma.
La Carriera:
Dai primi anni ottanta collabora con la Rai a programmi televisivi e radiofonici. È ideatrice su Radio 2 di La vita di Mae West, a cui ha lavorato con Laura Betti. Con l’autore Marco Di Tillo firma Professione Jazz curato da Adriano Mazzoletti, scrivendo i testi della vita sceneggiata di Jelly Roll Morton e Benny Goodman. Partecipa nel 1986 a Italia sera, in cui curava la sezione musicale, realizzando alcune interviste a noti cantanti del momento. Nota per il carattere sperimentale e innovativo delle trasmissioni televisive da lei scritte e condotte, tutte basate su una satira autoriale e pungente, ha spesso lavorato assieme a Corrado e Sabina Guzzanti, e più di recente a Neri Marcorè e a Paola Cortellesi.
Il 25 gennaio 2001 le viene affidata la direzione artistica del Teatro Ambra Jovinelli di Roma. Nel 2011 pubblica il suo primo libro per Rizzoli, Dai diamanti non nasce niente. Storie di vita e di giardini, in cui la Dandini racconta della sua passione per il giardinaggio attraverso aneddoti e citazioni. Il 17 giugno 2011 partecipa come conduttrice insieme a Michele Santoro alla serata Tutti in Piedi – Signori entra il lavoro, evento organizzato in occasione dei 110 anni della FIOM. Il 22 aprile 2012 conduce il concerto svoltosi a Napoli in occasione dell’Earth Day.
Nel febbraio 2013 è membro della giuria di qualità alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto.
A marzo, in seguito alle Elezioni politiche, insieme a molti altri suoi colleghi, aderisce al progetto “Riparte il futuro” firmando la petizione che ha lo scopo di revisionare la legge anti-corruzione modificando la norma sullo scambio elettorale politico-mafioso (416 ter) entro i primi cento giorni di attività parlamentare.
Il successo: La TV delle ragazze
A consacrare Serena Dandini come autrice e conduttrice è, nel 1988, La TV delle ragazze. Lancia attrici comiche che avranno poi molto successo, tra cui Angela Finocchiaro, Cinzia Leone, Francesca Reggiani, Sabina Guzzanti, Syusy Blady, Iaia Forte, Maria Amelia Monti. A La TV delle ragazze fa seguito nel 1990 Scusate l’interruzione, una parodia del Maurizio Costanzo Show, che vede nuovamente Serena Dandini autrice al fianco di Valentina Amurri e Linda Brunetta.
Serena Dandini inizia cosi le sue innumerovole comparse televisive come conduttrice e autrice italiana, il ricco e ampio curriculum della Dandini è davvero un successo.